Dettagli delle stratigrafie costruttive

L’intervento risolutivo per le solette interpiano, proposto e poi realizzato, ha riguardato dapprima la rimozione totale del parquet e dei listoni di spessoramento e l’apertura parziale dell’assito strutturale.

La coibentazione termoacustica dell’intercapedine tra assito e “cannette” è stata assicurata con l’utilizzo di materiali naturali come il sughero biondo (granulato SugheroLite impastato col vetrificante a presa aerea KoGlass) e la lana di pecora (pannelli LanKot).

Incremento dell’isolamento

La finitura in parquet è stata posata direttamente sulla chiusura dell’assito strutturale realizzata con un pannello in legno rigenerato idrofugo KoSial, previa l’interposizione di uno strato anticalpestio in lana di pecora KoSep.L.
L’incremento dell’isolamento al rumore aereo delle pareti verticali è stato conseguito realizzando contropareti appositamente studiate, rifinite con una doppia lastra di gesso rivestito, strutturalmente disconnesse dal tavolato esistente, posando in intercapedine materiali naturali di diversa natura, con sughero biondo (pannello SoKoVerd) e lana di pecora (pannello LanKot) a svolgere il ruolo di protagonisti.

Le pareti nuove

Le pareti nuove sono state costruite con struttura a doppia ossature, lastre in gesso rivestito e gli stessi materiali in intercapedine adottati per le contropareti precedentemente descritte, con spessori variabili in base dalle esigenze acustiche e di ingombro. In alcuni casi per la compartimentazione orizzontale tra ambienti è stata richiesta una controsoffittatura con caratteristiche REI 120. In questi casi è stato rimosso il controsoffitto esistente di “cannette” intonacate ed è stato sostituito con un pacchetto a doppia lastra costituito da una lastra in calcio silicato, più una lastra in gesso rivestito. Per la creazione del “plenum” utile al condizionamento degli ambienti interni, è stato realizzato un abbassamento creando la necessaria intercapedine, realizzato con pannelli in gesso rivestito, completato internamente da un film in alluminio.

Verifiche fonometriche

Come si evince dai valori riportati nella tabella di confronto, le verifiche fonometriche, eseguite dopo l’ultimazione delle opere, hanno confermato l’efficacia degli interventi studiati, restituendo valori dell’indice del potere fonoisolante apparente delle strutture orizzontali e verticali decisamente più elevati, ed una notevole riduzione del valore dell’indice di rumorosità da calpestio (si ricorda che un valore di rumore da calpestio contenuto è un elemento positivo). La tabella presenta i valori di isolamento al rumore aereo ed al rumore di calpestio rilevati nello stato di fatto e poi a seguito dell’esecuzione degli interventi.

Geom. Massimo Murgioni

Isolamento rumori aerei e da calpestio